Il 5 novembre 2020, in occasione dell’apertura della terza edizione della China International Import Expo, Michele Cecchi, Consule Generale d’Italia a Shanghai, ha visitato le aziende italiane presenti nei padiglioni organizzati da ITA – Italian Trade Agency Shanghai

Insieme a Ludovica Murazzani, Consule Commerciale del Consolato Generale d’Italia a Shanghai, si è soffermato nei due principali padiglioni commerciali italiani, uno dedicato al settore medicale e dei prodotti per l’assistenza sanitaria e l’altro incentrato sul settore orafo-gioielliero, organizzato in collaborazione con Confindustria Federorafi. Ha anche visitato l’Italian Cultural Heritage Pavilion, che ospita una mostra interattiva pensata specificamente per la CIIE 2020 che mette in mostra i 55 siti UNESCO presenti sul territorio italiano. 

Michele Cecchi, Console Generale d’Italia a Shanghai, visita il padiglione medicale italiano.
Michele Cecchi, Console Generale d’Italia a Shanghai, visita il padiglione medicale italiano.

La Medical devices and Health Care Exhibition, situata nel padiglione 7.2, ospita 11 diverse aziende italiane che producono attrezzatura medica, prodotti farmaceutici e nutraceutici. Si tratta di un’importante piattaforma per mettere in mostra la tecnologia all’avanguardia e i prodotti e le attrezzature mediche che la Cina è fortemente interessata a importare, specialmente per scopi terapeutici e diagnostici. Tuttavia la cooperazione fra Cina e Italia nel campo medico non si ferma al commercio: si focalizza anche su un una visione a lungo termine nel campo della ricerca e innovazione della salute pubblica, basata sulla collaborazione tra i centri di ricerca d’eccellenza italiani e cinesi.

Michele Cecchi, Console Generale d’Italia a Shanghai, visita il padiglione orafo-gioielliero italiano.

L’“Extraordinary Italian Jewellery” pavilion, situato nel padiglione 6.2H dell’area dedicata alla Consumer Goods Exhibition del China National Convention and Exhibition Center (Shanghai), mette in mostra i gioielli finemente lavorati a mano di 13 aziende che rappresentano i diversi distretti orafi italiani. Con questo padiglione ITA intende dare visibilità alle eccellenze dell’industria orafo-gioielliera italiana e creare sempre più opportunità per esse sul mercato cinese, il quale negli ultimi anni ha visto una crescente domanda di gioielli italiani realizzati a mano.

Michele Cecchi, Console Generale d’Italia a Shanghai, visita l’Italian Cultural Heritage Pavilion.

Durante la sua visita il console ha avuto occasione non solo di dimostrare il suo supporto agli espositori italiani alla CIIE e di parlare direttamente con loro, ma anche di enfatizzare la volontà dell’Italia di lavorare insieme alla Cina sulla strada della cooperazione economica, specialmente nei settori che rappresentano l’eccellenza del Made in Italy come quello medico o orafo-gioielliero. Infatti la CIIE, essendo promossa dal Ministero del Commercio Estero (MOFCOM) della RPC con il patrocinio del governo cinese, è l’evento più importante per promuovere l’internazionalizzazione del Made in Italy in Cina e ha un ruolo chiave nell’espansione del business delle aziende italiane sul mercato cinese.